Ricetta Pastiera Napoletana

La Pastiera Napoletana affonda le sue radici in una serie di miti e leggende sulla sua nascita. A partire dal mito che vuole che siano stati i cittadini del golfo di Napoli dell’epoca romana che portavano in dono i sette ingredienti principali di questo dolce alla sirena Partenope, passando per le sacerdotesse di Cerere fino ad arrivare alla sua più probabile origine in un convento di San Gregorio Armeno.

Pastiera Napoletana: la storia

Simbolo di indiscussa bontà del periodo pasquale, la fa da padrona sulle uova di cioccolata e sulla colomba grazie alla sua tradizione e ad un gusto da leccarsi i baffi. Sulla “vera” ricetta della pastiera ognuno ha da dire la sua, soprattutto nell’area geografica simbolo di questa succulenta pietanza, quella Partenopea.

Anche sulle dimensioni del “ruoto” la tortiera tipicamente usata nella storia di questo dolce, dai bordi lisci di forma leggermente conica, ci sono stati spesso dibattiti tra i fanatici della preparazione di questo dolce.

Pastiera Napoletana: la ricetta

Oggi vi andiamo a proporre quella che è una ricetta di ispirazione classica per realizzare con le vostre mani questa delizia direttamente in casa vostra. Perfetta per la colazione della mattina di Pasqua, ideale e amata da grandi e piccini.

Il risultato squisito è assicurato. Per farla diventare ancora più saporita preparatela uno o due giorni prima. Pronti ? Si parte!

Ingredienti

per la frolla

  • Farina 320 g
  • Zucchero 135 g
  • Uova (solo tuorlo) 3
  • Strutto (freddo) 180g

per il ripieno

  • Ricotta,metà di capra e metà vaccina, 400g, (con la quale potete preparare anche dei deliziosi cannoli alla puttanesca)
  • Uova 3
  • Zucchero 360g
  • Cannella in polvere 1 cucchiaino raso
  • Estratto di vaniglia 5 gocce
  • Acqua di fiori d’arancio 10g
  • Cedro candito 50g
  • Arancia candita 50g
  • Latte intero 250gr
  • Grano precotto 350g
  • Strutto 40g
  • Scorza di 1 limone (non trattato o biologico)

Stampo

Lo stampo per torte ideale è uno stampo tondo 18cm/20 cm, se usate un ruoto tradizionale dev’essere 25 cm nella parte piu alta. Dose da 8 a 10 persone.

Preparazione

Iniziamo col preparare la nostra base di pasta frolla. Potete utilizzare una ciotola oppure una spianatoia.

  1. Versate la farina e lo zucchero, se utilizzate la spianatoia disponete la farina sul piano nella classica forma a fontana versando all’interno lo zucchero.
  2. Successivamente unite lo strutto freddo, senza scioglierlo, e cominciate a mescolare tutti gli ingredienti a mano impastando per qualche minuto fino a che il composto non sarà ben amalgamato.
  3. Il risultato sarà farinoso, ma uniforme, a questo punto sarà arrivato il momento di unire i tuorli delle uova continuando a lavorare l’impasto fino a che non otterrete una palla di impasto liscio. Il composto ha ora bisogno di riposare per circa un’ora riposto nel frigorifero coperto da pellicola.

Nel frattempo che attendiamo l’impasto di frolla per la base procediamo a preparare il nostro ripieno.

  1. Prendete un tegame e versate il latte insieme al grano precotto e allo strutto. Grattate la scorza del limone con una grattugia ed unitila nel tegame.
  2. Cuociamo per circa mezz’ora ricordandoci di mescolare spesso con un cucchiaio di legno perché non si attacchi al fondo del tegame. Il fuoco non dev’essere troppo alto per ottenere una cottura uniforme e lenta. Quando avrà un aspetto cremoso potremo togliere il pentolino dal fuoco e lasciarlo raffreddare naturalmente.
  3. Una volta freddo procedete ad ultimare la farcitura. Prendete la ricotta e versatela in una ciotola con lo zucchero. A questo punto mescoliamo energicamente con una frusta a mano, non con quella elettrica. Successivamente potrete aggiungere le uova amalgamandole al lavoro.
  4. Uniamo il composto di grano che avete cotto poc’anzi e l’estratto di vaniglia. Prima di andare a miscelare il grano uniamo l’arancia ed il cedro canditi, tagliandoli a cubetti, se necessario, il nostro cucchiaino raso di cannella in polvere ed in fine l’acqua di fiori d’arancio che darà alla vostra pastiera napoletana il sapore di quella della nonna. Ora siete pronti per mescolare il tutto.

Assemblaggio della base con il ripieno

  1. Prendete il vostro stampo ed ungetelo con una piccola quantità di strutto su tutta la sua superficie, bordi compresi.
  2. Tirate fuori la pasta frolla dal frigo e stendetela bene sulla spianatoia. Dev’essere alta circa la metà di un dito. Mettete la pasta sullo stampo e con le mani fate si che sia ben aderente ai bordi e sul fondo. Con un coltello eliminate la pasta che fuoriesce dal bordo e mettetela da parte facendone una pallina.
  3. Potete procedere a versare la farcitura all’interno della vostra frolla. Potete scuotere leggermente lo stampo per fare in modo che tutto il ripieno sia alla stessa altezza e ben distribuito.
  4. A questo punto con la pasta messa da parte potete realizzare delle decorazioni a vostro gusto o, per rimanere sul classico, le tipiche striscioline incrociate come per una normale crostata.

Cottura

La pastiera è pronta per essere inserita nel forno preriscaldato a 180 gradi in modalità statica.

Cuocetela per 60 minuti nel livello intermedio del forno e fatele ultimare la cottura per gli ultimi 20 minuti al livello più basso per fare in modo che il fondo non rimanga eccessivamente morbido.

Potete conservare la pastiera per diversi giorni in frigorifero. Il momento migliore per mangiarla è dopo un paio di giorni dalla cottura quando si sarà insaporita per bene!

Carrello
Torna su