Come lavorare e ammorbidire la pasta di zucchero e guida al suo utilizzo

La pasta di zucchero è uno dei capisaldi della pasticceria, capace di dare un tocco professionale a un’infinità di dolci e torte o di liberare la creatività grazie alla modellazione di decorazioni e personaggi 3D.

Potete trovarla in qualsiasi negozio di decorazioni per torte e party, oppure sul web, è sempre meno difficile infatti trovare e acquistare prodotti come la pasta di zucchero online. La sua ricetta, tutto considerato semplice, ammette tuttavia significative variazioni, che di volta in volta la rendono un po’ più plastica o più elastica, permettendole di adattarsi ai numerosi usi cui è destinata: copertura di una torta, decorazioni fatte a mano o tramite stampi, etc.

Quando avrai imparato a utilizzarla, manipolarla e conservarla nel migliore dei modi ti si spalancherà un mondo di opportunità creative e la possibilità di ottenere altrettante soddisfazioni. Perché con la pasta di zucchero, appreso quanto necessario, l’unico limite è solo la fantasia.

Come si lavora la pasta di zucchero?

Lavorare la pasta di zucchero richiede fondamentalmente l’uso delle mani e pochi altri strumenti, che di volta in volta potranno essere mattarello e tappetino in silicone, un coltello, stampi, amido di mais, olio di semi e naturalmente zucchero a velo.

Lavorando la pasta di zucchero userai soprattutto lo zucchero a velo, ma l’amido ti tornerà utile, senza esagerare, per asciugarla superficialmente. L’olio può essere usato in piccolissime quantità per ungere tappetino e mattarello. Tieni conto che più la lavorerai, più diventerà appiccicosa. Quindi, ove possibile, ti consiglio di lavorarla sempre in ambiente ventilato e fresco.

Come si fa ad ammorbidire la pasta di zucchero?

La pasta di zucchero per copertura ammorbidisce naturalmente con il calore. In genere basta il contatto con le mani, ma se le quantità sono importanti – considera che con 250 g si può ottenere un disco di 3-4 mm sufficientemente ampio da ricoprire una torta di 26 cm di diametro – potrebbe essere necessario un passaggio veloce nel microonde. Pochi secondi saranno più che sufficienti, dipende dalla temperatura iniziale della pasta.

La pasta di zucchero da modellazione, quella adatta a creare decorazioni floreali, statuine ed ogni genere di composizione 3D, essendo una ricetta studiata per indurire, uscita dalla confezione dovrai lavorarla rapidamente. Anche in questo caso il calore delle mani sarà sufficiente ad ammorbidirla, ma il contatto prolungato con l’aria ne provocherà inevitabilmente l’indurimento. Con alcune ricette di pasta di zucchero, la rapidità di manipolazione è fondamentale se si vogliono ottenere risultati eccellenti.

Come si fa indurire la pasta di zucchero?

La pasta di zucchero indurisce naturalmente lasciandola esposta all’aria. L’indurimento è conseguenza dell’asciugatura, che sarà tanto più veloce quanto minore è l’umidità ambientale.

Come anticipato nell’introduzione, esistono molte ricette e molte marche e la velocità di solidificazione, il grado di durezza finale nonché la risposta a successivi tentativi di farla tornare morbida possono variare significativamente.

Come attaccare la pasta di zucchero sul polistirolo?

La necessità di far aderire stabilmente la pasta da zucchero al polistirolo può presentarsi in molte occasioni: una torta a più piani per un numero tuttavia limitato di coperti, una torta da esposizione o la volontà di modellare un soggetto 3D, come una statua o un vaso di fiori, che tuttavia è consigliabile fissare su un supporto stabile e facile da trasportare.

In questi come in molti altri casi si richiede di ricoprire il polistirolo con della pasta di zucchero in funzione prettamente scenica, così da non compromettere l’insieme.
Questa procedura prevede una serie di passi da eseguire correttamente:

  1. assicurati che il polistirolo sia privo di imperfezioni superficiali, irregolarità che andrai a rimuovere, che altrimenti potrebbero compromettere il risultato;
  2. arrotonda i bordi della sagoma di polistirolo: puoi riuscirci adoperando delicatamente, sul polistirolo bagnato, della carta vetrata finissima;
  3. bagna uniformemente il polistirolo con un pennello intriso d’acqua;
  4. adagia delicatamente sul polistirolo il foglio di pasta di zucchero che hai precedentemente ammorbidito e modellato;
  5. ricorri a una spatola in plastica per far aderire perfettamente la pasta di zucchero.

Il risultato è adesso completo, con un’adesione perfetta. Asciugandosi la pasta di zucchero solidifica rimanendo attaccata al polistirolo. Ricorda che tanto più spessa è la pasta di zucchero, tanto più tempo servirà perché asciughi. Anche fino a 24/48 ore.

Come attaccare la pasta di zucchero sui biscotti?

Per fare aderire e fissare la pasta di zucchero sui biscotti si può ricorrere a diverse soluzioni. Naturalmente non si possono bagnare i biscotti con dell’acqua, semmai vanno tutelati dall’umidità.

Si potranno, tuttavia, utilizzare soluzioni come la colla alimentare, gelatina spray, glassa, confettura, sciroppo di mais diluito. E l’elenco potrebbe continuare. Qualunque soluzione tu decida di adottare, ricorda di limitare al minimo la quantità di ‘collante’.

Conclusioni

Considerata la vastità dell’argomento e l’infinito numero di impieghi in pasticceria della pasta di zucchero, le cose da imparare sono davvero tante. Comunque, cominciando a manipolarla si coglieranno via via le infinite possibilità creative che restano da esplorare e inizierete a creare splendide torte, inizia dando un’occhiata alla ricetta della nostra torta a forma di nave!

Carrello
Torna su