Candy Melts: ricetta, come si usano e consigli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Oltre ad essere più economici, i Candy Melts sono anche più semplici da utilizzare, rispetto al cioccolato. Infatti, per la copertura e la decorazione dei dolci, quest’ultimo necessita di essere trattato con cura e precisione, attraverso un processo a temperatura – denominato temperaggio – per cui è necessaria pratica ed esperienza. I Candy Melts, invece, non ne hanno bisogno. Si possono fondere facilmente e presentano sempre stesso aspetto e consistenza, anche dopo essere stati sciolti e lasciati raffreddare.

A cosa servono i Candy Melts?

Come abbiamo visto, sono facili da usare, ed è per questo motivo che possono essere utilizzati in svariate modalità.

L’impiego tipico per cui sono diventati noti è il rivestimento dei cake pops. Si tratta di dolci ricavati dagli avanzi di torte o pan di spagna, e modellati in piccole palline. In questo caso, i Candy Melts vengono utilizzati non solo a scopo decorativo, ma anche per preservarne sapore, umidità interna e consistenza.

Tuttavia, oltre ai cake pops, i Candy Melts possono essere impiegati per ricoprire i dolci più disparati, così come frutta, pretzel, marshmallow e altro ancora. Il processo – chiamato dipping – è semplicissimo: basterà infatti immergere il tutto nel Candy Melts, precedentemente fuso.

Un altro utilizzo, invece, è il cosiddetto molding. In questo caso, i Candy Melts vengono sciolti e poi modellati in una grande varietà di forme e disegni, grazie all’utilizzo di stampi in plastica e silicone. Il prodotto finale può essere gustato da solo, ma anche utilizzato per coprire torte e cupcake o combinato con frutta secca, cioccolato e altro ancora.

Mescolando invece Candy Melts di differenti colori è possibile dare ai dolci – come ad esempio le ciambelle – un effetto marmorizzato. Qui, verrà utilizzato come base un Candy Melts dal colore chiaro, per poi aggiungerne altri di tonalità differenti e più accese. Mescolando il tutto nello stesso senso, si otterrà una spirale colorata in cui immergere i propri dolci da decorare.

Infine, un altro impiego molto semplice da fare consiste nell’utilizzarli per ottenere una ganache o anche una glassa a specchio. Combinando questi con panna pesante o latte condensato, è infatti possibile ottenere un prodotto facile da versare e con cui ricoprire rapidamente torte, biscotti, petit four e altro ancora.

Come utilizzare i Candy Melts?

Per utilizzare i Candy Melts, bisogna innanzitutto procedere alla loro fusione.

Il modo più rapido per farlo è sicuramente tramite l’utilizzo di un microonde. Dopo aver deposto la quantità desiderata in un contenitore adatto o in una saccapoche usa e getta, basterà impostare il dispositivo a metà potenza per circa un minuto. Se il contenuto non fosse ancora completamente sciolto, allora dovremo provvedere a mescolare il tutto, per poi ripassarlo in microonde per altri trenta secondi. Il processo andrà eventualmente ripetuto se saranno presenti ancora piccoli frammenti solidi.

Un metodo alternativo, invece, è quello di fonderli a bagnomaria. In questo caso, metteremo una pentola riempita d’acqua su fuoco basso e, all’interno di essa, andremo a porre una ciotola adatta in cui versare i Candy Melts. Durante il processo, continueremo a mescolare regolarmente il tutto, fino ad ottenere un composto omogeneo e completamente liquido.

Infine, per i veri appassionati, sono disponibili in commercio speciali pentole in silicone appositamente progettate per sciogliere i Candy Melts. Queste sono in grado di fondere circa 600g di prodotto in appena dieci minuti e risultano lo strumento ottimale per il dipping. Il materiale di cui sono composte, inoltre, rende molto semplice la loro manutenzione e pulizia.

Una volta che avremo sciolto completamente i Candy Melts nei vari modi descritti, passeremo alla loro applicazione. In base al tipo di utilizzo, si solidificheranno in tempi differenti. Per il dipping di piccoli dolci, come i cake pops, saranno necessari dai dieci ai venti minuti in frigo. Per la copertura, per esempio, di una torta, ci vorranno invece tempi maggiori, solitamente sui 45 minuti.

Come conservare i Candy Melts?

Una volta finito di utilizzare i Candy Melts per le proprie decorazioni, è possibile raccogliere e conservare gli avanzi.

Per farlo, bisognerà prima aspettare che si siano raffreddati. A questo punto basterà chiuderli per bene in un contenitore e lasciarli in un luogo fresco e asciutto, evitando di riporli in frigo o in freezer. Qui, infatti, rischiano di assorbire l’umidità, che può compromettere il loro corretto scioglimento.

Come colorare i Candy Melts?

Sono oggi disponibili in commercio in una grande varietà di colori. Tuttavia, può capitare a volte di non trovare la tonalità ricercata. Fortunatamente, questo non rappresenta un problema, dato che è possibile creare le proprie sfumature personalizzate grazie ad appositi coloranti progettati per le Candy Melts.

L’unico accorgimento da seguire è quello di verificare sempre che questi ultimi siano a base di olio. Utilizzando un colorante differente, come per esempio quelli per la glassa, si rischia infatti di rovinare i Candy Melts.

Carrello
Torna su